(Legge questa post a Italiano alla basso della pagine…grazie, amici.)

God help me if I don’t know who I am at 63.  I just read a statement from someone who says we only have a sense of who we are through the “gazes” of other people.

If that’s true, we’re all screwed.  At any rate, I’ve spent a lifetime fighting for the right to be a self– someone whole, distinct from others, i.e. an individual in my own right.

Traditional family systems with traditional mothers in them try to cut their daughters from the cloth of convention and expectation.  Girl children are damned by the time they exit the womb, learning nearly immediately that it is most feminine and safe to suppress oneself, make oneself small to fit within the small spaces available to us in the Valhalla of patriarchal culture with its multiple Gods per square foot.

Girls who internalize criticism, spinning it into self-doubt, are ripe for the disempowerment of labeling and the immense wound of rejection. And few things can be as disempowering and destructive to self-confidence as paradigms and  institutions that involve the hierarchy of power. When we think we should see a therapist, for example, most of the time we become instant lab rats, subjected to the scrutiny of someone who claims the power and right to assign a label to us.  Where that label used to be neurosis and occasionally, some degree or another of psychosis, these days it’s typically one of the myriad personality disorders laid out in the DSMIV.  Fortunately there are still some therapists around who see themselves as midwives to the identity, whose mission is to assist a client in becoming all she can, not making her believe that she can never trust herself because, by virtue of her individuality, she is perceived to be nuts.

I follow some writers who define themselves partly in terms of one or another label and I wish they wouldn’t. I am on a one woman mission to reject labels and diagnoses and claim the measure of personal power heredity and circumstance have given me.  I have first-hand experience with what happens when you let people tell  you who and what you are:  it can kill you.

I used to wear my heart on my sleeve and confess my fears to everyone.  I put myself at the mercy of others’ insanity when I poorly chose certain friends; I tied myself up with needy men who needed a weak woman to take care of in order to feel strong. Therapists whose agenda was immoral. I saw myself as weak, I experienced myself as less than and as a result, I despised me.

All of that is changing.  In the aftermath of a lifetime of negative self-definition and experience of self, unable to trust that I have within me not only the birthright of self-determination but the power to redefine myself, I see that I bought into the very myths of self  that could have done me in.

In keeping with claiming and redefining myself, just now I weighed in on a discussion of poetry on Facebook. I said that I believed in the power and beauty of language, its transcendent qualities, that the poem could benefit from some ambiguity but that I believed poetry should be accessible.

I was jumped on and made to feel like the naif in the crowd.  I objected. And thankfully, I have re-defined myself as the writer I have always been.

I have been writing poetry, studying my craft and literary tradition for over forty years.  I have received an NEA Fellowship in Literature– a very high honor that doesn’t go to Hallmark “poets.”  I have had three collections published.  Every time I put up a poem I get a host of comments from writers whose judgement matters to me.  I am not the one who first called myself a poet– Robert Bly did.  James Moore and Patricia Hampl did. Tom Wayman, one of Canada’s major writers, did.  The faculty at Sarah Lawrence in the 80’s– then comprised of Thomas Lux and Jean Valentine and other very noteworthy, prominent writers, who moved heaven and earth to try to find money to bring me to Sarah Lawrence to take the M.F.A.  Before I ever finished a B.A. I had won the Endowment Grant, Bly had published my first collection and my work had appeared in over fifty publications.

I didn’t call myself a poet.  Other people did, and these days, after much debate with myself, so do I.  Say to the mirror, “Good morning, beautiful human being and poet.”

At the end of the day, no one has anyone to validate her and tell her she is worthy and good and worth taking care of, getting to know, nurturing, feeding, entertaining– than herself.

In my experience the relationship with the Self is everything.  I hope to Christ I don’t see who I am through others’ eyes when it comes down to it.    Validation is important but we are the ones who must develop the wisdom to eject toxic people from our lives with a shoe horn if necessary, and to sing and celebrate Self– Whitman style, candles blazing.

 

Questa post a Italiano:

Che Dio mi aiuti se non so chi sono a 63. Ho appena letto un comunicato da qualcuno che dice che abbiamo solo un senso di chi siamo attraverso gli “sguardi” di altre persone.

Se questo è vero, siamo tutti fregati. Ad ogni modo, ho passato una vita lotta per il diritto di essere mi stesso – qualcuno intero, distinto dagli altri, ossia una persona fisica nel mio diritto. Sistemi tradizionali della famiglia con le madri tradizionali in loro cercano di tagliare le loro figlie dal panno di convenzione e di attesa. Le bambine sono dannati dal momento in cui esce dal grembo materno, imparando quasi subito che è più femminile e sicura di sopprimere se stessi, farsi piccolo per adattarsi all’interno di piccoli spazi a nostra disposizione nel Valhalla della cultura.

Le ragazze che interiorizzano le parole critice, la filatura in dubbio su di sé, sono maturi per il depotenziamento di etichettatura e la ferita immensa di rigetto. E poche cose può essere debilitante e distruttiva di fiducia in se stessi come terapia. Quando pensiamo dovremmo vedere un terapeuta, la maggior parte del tempo siamo diventati topi da laboratorio istantanei, soggette al controllo di qualcuno che rivendica il potere e il diritto di assegnare una etichetta a noi. Se tale etichetta utilizzata per essere nevrosi e di tanto in tanto, un certo grado di psicosi o di un altro, in questi giorni è in genere uno dei disturbi di personalità miriade di cui nel DSMIV. Per fortuna ci sono ancora alcuni terapisti oggi che si vedono come levatrici per l’identità, la cui missione è di aiutare un cliente a diventare tutto ciò che non può, che lei non potrà mai fidarsi di se stessa perché in virtù della sua individualità che è percepito come noci.

Seguo alcuni scrittori che si definiscono in parte in termini di una o un’altra etichetta e mi auguro che non lo farei. Sono in missione una donna di rifiutare le etichette e le diagnosi e rivendicare la misura di eredità potere personale e le circostanze mi hanno dato. Ho un’esperienza di prima mano con quello che succede quando si lascia che le persone ti dicono chi e cosa sei: ti può uccidere.

La cosa più difficile da combattere: come sono visti da molte persone, uomini e donne, che ho usato per fidarsi così tanto che ho versato le mie budella a loro e li diede l’opportunità di vedere me come qualcuno a pietà, stare lontano da, paura, rifiutare e sussurrano circa negli angoli della parrocchia di sale e sale caffè universitari. Il pozzo senza fondo di necessità, il disordine, la persona che è malata di mente e quindi, politicamente esigente o no, da evitare di tutto.

Sono sicuro che ultima affermazione mi fa sembrare paranoica. Ma è la verità. Ho usato per indossare il mio cuore sulla mia manica e confessare le mie paure a tutti. Mi metto in balia della follia altrui quando ho scelto male alcuni amici, mi sono legata a uomini bisognosi che necessitavano di una donna debole di prendersi cura di per sentirsi forte. Ho visto me stesso come debole, mi sono sentita come meno e, di conseguenza, io mi disprezzava.

Tutto questo sta cambiando. A seguito di una vita di definizione negativa di sé e l’esperienza di sé, incapace di credere che ho dentro di me non solo il diritto di primogenitura di autodeterminazione, ma il potere di ridefinire me stesso, vedo che ho comprato negli stessi miti di auto che avrebbe potuto uccidermi.

Poteva uccidermi a credere quei sacerdoti impegnati nella cosiddetta pastorale che ha pronunciato me come carente “in modi che altri non lo sono.” Come osano. E ‘quasi ucciso me a comprare in idee che io sono un impotente, alcolizzato pietosa che sta andando a fare se stessa, senza diretto intervento divino, che, come un alcolista che non posso permettermi fiducia in se stessi, perché deriva da Satana stesso: l’Io. E ‘quasi ucciso me girare su me stesso agli psichiatri, di trattamento “Professionisti” stessi “guarite” ubriachi con un sacco di viti allentate.

Le organizzazioni che dipendono dalla perdita degli altri di sé e rispetto di sé per la loro sopravvivenza deve essere condannato. !!!!!

Proprio ora ho pesato in una discussione di poesie su Facebook. Ho detto che ho creduto nel potere e la bellezza del linguaggio, le sue qualità trascendenti, che il poema potrebbe trarre vantaggio da una certa ambiguità, ma che credevo la poesia deve essere accessibile.

Sono stato saltato su e fatti sentire come il naif tra la folla. Io mi opposi. E per fortuna, mi sono ri-definito come lo scrittore sono sempre stato.

Ho scritto poesie, studiare il mio mestiere e la tradizione letteraria per oltre quaranta anni. Ho ricevuto un NEA Fellowship in letteratura – un altissimo onore che non va a marchio “poeti”. Ho avuto tre libri di poesia pubblicate. Ogni volta che ho messo su una poesia che ho ottenere una miriade di commenti di scrittori il cui giudizio conta per me. Io non sono colui che per primo ha chiamato me un poeta – Robert Bly ha fatto. James Moore e Patricia Hampl fatto. Tom Wayman, uno degli scrittori più importanti del Canada, fatto. La facoltà al Sarah Lawrence nel 80’s – allora composta da Thomas Lux e Jean Valentine e altri molto degni di nota, scrittori importanti, mosso cielo e terra per cercare di trovare i soldi per portarmi a Sarah Lawrence a prendere il degree avanza.  Prima che io abbia mai finito un dottore in lettere avevo vinto Grant Endowment, Bly aveva pubblicato la mia prima collezione e il mio lavoro era apparso in più di 50 pubblicazioni.

Io non mi definisco un poeta. Hanno fatto gli altri, e in questi giorni, dopo un dibattito molto con me stesso, anche a me dire allo specchio, “Buongiorno, bellissimo essere umano e poeta.” Ma ora..ecco, lo credo.

Ho perso la pazienza con il cosiddetto processo editoriale in cui riviste di prendere un anno e un giorno per tornare a voi su una presentazione – che è generalmente letta da poeti in erba studenti in primo luogo – o inviarla immediatamente indietro. Trovo offensivo entrambi gli estremi. Non ho pazienza con la condiscendenza di alcuni editori e la fantasia nevrotica di alcuni editori. Inserisco il mio lavoro sul mio blog bello e vedremo cosa succede con il mio ultimo sogno per ottenere più visibilità con un libretto o due prima di cercare di ottenere un opus magnum pubblicata, vale a dire un altro piccolo libro stampa.

Alla fine della giornata, nessuno ha a chiunque di convalidare lei e dirle che è degno e buono e vale la pena prendersi cura di, conoscere, coltivare, alimentazione, divertente – di lei.

Nella mia esperienza il rapporto con il Sé è tutto. Spero di Cristo, non vedo chi sono attraverso gli occhi degli altri quando si scende ad esso. Ho finito di opzioni per definire me stessa come madre di qualcuno, moglie, amante, insegnante, membro del coro, docente, ecc, molto tempo fa, sotto il post circostanze dolorose possibili. La convalida è importante, ma noi siamo quelli che devono sviluppare la saggezza per espellere le persone tossici dalle nostre vite con un calzascarpe, se necessario, e per cantare e celebrare auto in stile Whitman, candele ardenti.

Advertisements